Sensori laser a triangolazione - Principio di misura

I sensori laser sfruttano il principio della triangolazione laser per misurare spostamenti, distanze e posizioni. Sono molto versatili e vengono utilizzati in numerose applicazioni, sia nella Ricerca & Sviluppo di nuovi prodotti che nel monitoraggio dei processi industriali.

In un sensore a triangolazione laser, un diodo (trasmettitore) proietta un fascio di luce laser direttamente sul target. Questa luce viene riflessa in varie direzioni e parte dei raggi laser riflessi vengono indirizzati, attraverso una serie di lenti, verso il ricevitore. A seconda della distanza del target, i raggi riflessi vengono proiettati verso un punto preciso della superficie del ricevitore; in questo modo è possibile calcolare, attraverso il principio matematico di triangolazione, la distanza tra il trasmettitore e il target.


La precisione può essere influenzata da superfici del target troppo riflettenti, differenze di colore o variazioni di colore. Queste influenze possono essere minimizzate o completamente compensate attraverso l’utilizzo di tecnologie innovative.

Vantaggi

  • Piccolo spot di misura
  • Distanza sensore-target elevata
  • Ampi intervalli di misura
  • Insensibili alle proprietà del materiale del target

Considerazioni

  • Fare attenzione al tipo di superficie
  • Essendo un principio ottico, la trasmissione e riflessione del raggio non devono essere ostacolate
  • I sensori hanno dimensioni relativamente più grandi rispetto ai sistemi a correnti parassite o capacitivi

Scopri di più



Ottieni informazioni

Per maggiori informazioni sui nostri prodotti e servizi, compila il form di contatto.
Ti risponderemo al più presto.