MFA-5

Micro-Measurements

  Vai al sito

Luchsinger è il distributore ufficiale per il mercato italiano di Micro-Measurements, azienda di Vishay Precision Group specializzata nella progettazione e realizzazione di strain gauges per la stress analysis e per la realizzazione di trasduttori di misura. La gamma comprende: strain gauge per l'analisi sperimentale delle sollecitazioni ed OEM, sistemi di acquisizione dati per estensimetria, accessori per estensimetria.

L'estensimetro è un sensore che varia la sua resistenza elettrica con l’applicazione di una forza. Quando un oggetto o una struttura è soggetto ad una forza, vengono generate delle sollecitazioni e delle deformazioni. L’estensimetro rileva e converte queste deformazioni in un segnale elettrico misurabile.Gli estensimetri lineari per l'analisi sperimentale delle sollecitazioni misurano la deformazione in una sola direzione. Sono disponibili varie dimensioni e geometrie in griglia singola o in doppia griglia parallela. La lunghezza degli estensimetri varia da 0,2 mm a 100,6 mm.Gli estensimetri Micro-Measurements sono prodotti in condizioni controllate per garantirne la massima qualità ma la precisione nelle misure di deformazione è influenzata anche da altri fattori:

  1. gli accessori utilizzati
  2. le tecniche d’installazione (visita la nostra Academy)
  3. la strumentazione per l'acquisizione


Come installare un estensimetro:

Gli strain gauges sono sensori che variano la loro resistenza elettrica con l’applicazione di una forza. Quando un oggetto o una struttura è soggetto ad una forza, vengono generate delle sollecitazioni e delle deformazioni. L’estensimetro rileva e converte queste deformazioni in un segnale elettrico misurabile. Le rosette estensimetriche a T (T indica la disposizione delle griglie) vengono utilizzate quando le direzioni delle deformazioni principali sono conosciute. Tutte le configurazioni a T dispongono di due griglie di misura orientate a 0°/90°, sovrapposte o planari. Le lunghezze delle rosette estensimetriche a T variano da 1,27 mm a 6,35 mm. Gli estensimetri Micro-Measurements sono prodotti in condizioni controllate per garantirne la massima qualità ma la precisione nelle misure di deformazione è influenzata anche da altri fattori:

  1. gli accessori utilizzati
  2. le tecniche d’installazione (visita la nostra Academy)
  3. la strumentazione per l'acquisizione


Come installare gli strain gauges:

Gli strain gauges sono sensori che variano la loro resistenza elettrica con l’applicazione di una forza. Quando un oggetto o una struttura è soggetto ad una forza, vengono generate delle sollecitazioni e delle deformazioni. L’estensimetro rileva e converte queste deformazioni in un segnale elettrico misurabile.Le rosette estensimetriche a tre direzioni vengono utilizzate quando le direzioni delle deformazioni principali sono sconosciute. A partire dalle misure delle griglie nelle 3 direzioni, mediante calcolo, si può risalire alle direzioni principali e alle deformazioni e sollecitazioni in queste direzioni.Le rosette estensimetriche rettangolari dispongono di tre griglie di misura orientate a 0°/45°/90° e sono disponibili sia in versioni sovrapposte che planari. Le lunghezze variano da 0,79 mm a 6,35 mm.
Le rosette estensimetriche a delta dispongono di tre griglie di misura orientate a 0°/60°/120° e sono disponibili sia con griglie sovrapposte che planari. Le lunghezze variano da 0,76 mm a 3,18 mm.Gli estensimetri Micro-Measurements sono prodotti in condizioni controllate per garantirne la massima qualità ma la precisione nelle misure di deformazione è influenzata anche da altri fattori:

  1. gli accessori utilizzati
  2. le tecniche d’installazione (visita la nostra Academy)
  3. la strumentazione per l'acquisizione


Come installare un estensimetro:

Lo strain gauge è un sensore che varia la sua resistenza elettrica con l’applicazione di una coppia. Quando un oggetto o una struttura è soggetto ad una coppia, vengono generate delle sollecitazioni e delle deformazioni. L’estensimetro rileva e converte queste deformazioni in un segnale elettrico misurabile.La rosetta con 1, 2 o 4 griglie orientate a 45°  è usata per misurare la torsione o uno sforzo di taglio. Per esempio quando incollata su un albero genera un segnale proporzionale alla coppia. Sono disponibili configurazioni con griglia singola, a mezzo ponte (2 griglie) o a ponte intero (4 griglie), con resistenze da 120, 350, 500 e 1000 ohm. Le lunghezze variano da 1,57 mm a 6,35 mm.
Gli estensimetri Micro-Measurements sono prodotti in condizioni controllate per garantirne la massima qualità ma la precisione nelle misure di deformazione è influenzata anche da altri fattori:

  1. gli accessori utilizzati
  2. le tecniche d’installazione (visita la nostra Academy)
  3. la strumentazione per l'acquisizione


Come installare uno strain gauge:

Gli estensimetri lineari della famiglia Transducer-Class® sono utilizzati per realizzare vari tipi di trasduttori, per esempio del tipo con geometria ad esse, a binocolo, a flessione inversa, a Dual Beam e trasduttori di pressione.L'ampio assortimento include modelli con differenti dimensioni, geometrie e con configurazione a griglia singola o doppia parallela. Le leghe delle griglie sono in costantana o in karma modificato.Catalogo Micro-Measurements online: Estensimetri lineari OEM

Gli estensimetri a griglia doppia disposta a 90° della famiglia Transducer-Class® sono utilizzati per realizzare celle di carico a colonna o che lavorano a sbalzo (tipo cantilever).È possibile scegliere tra un ampio assortimento di modelli con differenti dimensioni e geometrie. Le leghe delle griglie sono in costantana o in karma modificato.Catalogo Micro-Measurements online: Estensimetri con 2 griglie a 90°

Gli estensimetri per sforzi di taglio della famiglia Transducer-Class® hanno le griglie disposte a 45° rispetto all’asse centrale. Sono utilizzati per realizzare trasduttori con meccaniche sensibili allo sforzo di taglio, come torsiometri e celle di carico a taglio o doppio taglio insensibili ai carichi laterali.È possibile scegliere tra un ampio assortimento di modelli con differenti dimensioni, geometrie e con configurazione a griglia singola o doppia. Le leghe delle griglie sono in costantana o in karma modificato.Catalogo Micro-Measurements online: Estensimetri per taglio

Gli estensimetri a ponte intero della famiglia Transducer-Class® hanno un ponte intero di Wheatstone su un singolo supporto. Sono utilizzati per realizzare varie tipologie di trasduttori, come torsiometri, celle di carico a flessione (single-beam o double-beam), celle di carico a taglio e doppio-taglio.È possibile scegliere tra un ampio assortimento di modelli con differenti dimensioni e geometrie. Le leghe delle griglie sono in costantana o in karma modificato. Catalogo Micro-Measurements online: Estensimetri a ponte intero

Gli estensimetri a diaframma della famiglia Transducer-Class® sono dedicati alla costruzione di trasduttori di pressione. È possibile scegliere tra un ampio assortimento di modelli con differenti dimensioni, geometrie e con configurazioni lineari e circolari a ponte intero. Catalogo Micro-Measurements online: Estensimetri a diaframma

Gli estensimetri in platino-tungsteno della famiglia Transducer-Class® hanno una sensibilità superiore per una miglior linearità e vita a fatica.

È possibile scegliere tra un ampio assortimento di modelli con differenti dimensioni, geometrie, supporti in polimide o in polimide rinforzato in fibra di vetro e configurazioni lineari, al taglio (45°) e rosetta a T.

Catalogo Micro-Measurements online: Estensimetri in Platino-Tungsteno

Gli estensimetri con fili della serie L2A sono ideali per attività di analisi sperimentale delle sollecitazioni. L'estensimetro è fornito con dei fili pre-saldati ai terminali che l'utilizzatore salda ai terminali della basetta (vedi accessori per estensimetria) in maniera facile e veloce. Alla basetta viene successivamente saldato il cavo che arriva direttamente alla strumentazione. La serie L2A è disponibile in tutte le configurazioni più importanti: estensimetro lineare, rosetta a T e rettangolare, rosetta per torsione, lunghezze griglia da 1,52 a 6,35 mm, valori di resistenza da 120 a 350 ohm, compensato in temperatura per acciaio o alluminio. La qualità degli estensimetri a filo di Micro-Measurements è garantita dall'uso di materiali ad elevate prestazioni: supporto poliammide laminato molto sottile, griglie incapsulate, fili da 30 mm in rame placcato nickel.

Si definiscono tensioni residue le tensioni presenti all'interno di un corpo in equilibrio meccanico e termico con l'ambiente che lo circonda. Queste tensioni sono in equilibrio tra loro e rappresentano l'insieme delle trasformazioni chimiche, fisiche e meccaniche precedentemente subite dallo stessoIl metodo più usato per la misura delle tensioni residue nel materiale è il metodo ASTM-E837 del foro cieco. Mediante un’attrezzatura di precisione per la foratura, come il modello RS-200, viene realizzato un foro cieco al centro di una rosetta estensimetrica speciale incollata sulla struttura in esame.Partendo dalle deformazioni lette con una centralina estensimetrica, come il modello P3, si possono calcolare le tensioni residue rilasciate.

La serie C2A di Micro-Measurements comprende estensimetri incapsulati con cavo presaldato a 3 conduttori in isolamento vinile aventi una lunghezza standard di 3 m. Altre lunghezze sono disponibili su richiesta.La transizione dall’estensimetro al cavo è realizzata con 25 mm di filo 34-AWG isolato. Sono disponibili numerose configurazioni lineari, al taglio, rosette a T e rettangolari, con dimensioni di griglia da 1,5 a 6,35 mm.

    Gli estensimetri della serie EGP sono progettati per uso in ingegneria civile per misurare le deformazioni nelle strutture in calcestruzzo. La griglia sensibile ha una lunghezza attiva di 100 mm per mediare le deformazioni nei materiali con aggregati. La griglia di misura è annegata in un materiale polimerico che protegge dal danneggiamento meccanico durante la messa in opera mediante annegamento nel calcestruzzo, dall'umidità, dalla corrosione e minimizza il rinforzo della struttura. L'estensimetro è auto-compensato in temperatura ed è fornito con cavo integrale di lunghezza 3 m. Il collegamento a 3 conduttori riduce significativamente l’influenza della temperatura sui cavi.

    I sensori di temperatura della serie TG sono termoresistenze (RTD) di elevata precisione realizzate con una griglia in nickel o nickel/manganina o Balco laminata. Sono tipicamente utilizzate per la compensazione termica dei circuiti estensimetrici. Questi sensori di temperatura sono incollati sulle strutture usando le stesse tecniche degli estensimetri e misurano temperature da -269°C fino a 260°C. Grazie alla loro bassissima massa termica e alla elevata superficie incollata, questi sensori hanno una risposta molto veloce alle variazioni termiche della struttura. Sono disponibili i circuiti di adattamento LST per il collegamento a mezzo ponte alle centraline estensimetriche.

    I sensori per cricche della serie CD di Micro-Measurements rilevano la presenza di cricche o indicano quando la cricca ha raggiunto un determinato punto della struttura. Possono anche misurare la velocità di propagazione su brevi distanze. Questi sensori sono usati vicino a intagli o spigoli o altre discontinuità della struttura. Sono disponibili diverse versioni con lunghezze da 10 a 50 mm.

    Gli estensimetri saldabili sono progettati per essere saldati a punti su strutture e componenti metallici. Ideali per applicazioni ove le condizioni ambientali precludono l'uso di un adesivo. La preparazione della superficie è minimale; solo pulizia con un solvente e abrasione della superficie di test. La saldatura è realizzata con una saldatrice a punti, come la Model 700. La protezione ambientale è identica a quella degli estensimetri incollati. Le serie LEA e LWK sono già protette con incapsulamento. La serie LZN è adatta per alte temperature.

    • serie CEA con griglia in lega costantana incapsulata nel polimide. Molto flessibile, in molti casi può essere adattato a raggi di curvatura di soli 13 mm. I terminali ricoperti da rame sono robusti e adatti alla saldatura diretta dei cavi.
    • serie LWK con griglia in lega Karma incapsulata in una resina epossidica rinforzata in fibra di vetro. Il cavo integrale consiste di 3 cavi in Teflon trattato di lunghezza 250 mm. Il raggio di installazione è limitato al minimo di 50 mm nella direzione dell'asse della griglia.
    • serie LEA incollati a caldo su una piastrina di acciaio inossidabile e totalmente protetti da umidità tramite incapsulamento. La versione R può lavorare immersa in acqua a 30 bar.
    • serie LZN sono estensimetri per alte temperature realizzati con un filamento libero pre-incollato ad una sottile lamina con alumina spruzzata a fiamma (flame spray)

    L’M-Bond 600 è un adesivo bicomponente epossi-fenolico per alte temperature, per la realizzazione di trasduttori e stress analysis. Campo di temperatura da -269°C a +260°CA differenza dell'M-Bond 610 ha una polimerizzazione a partire da 80°C e una minore durata di conservazione.

    L’M-Bond 610 è un adesivo bicomponente epossi-fenolico per alte temperature, per la realizzazione di trasduttori e stress analysis.Campo di temperatura da -269°C a +260°C

    La saldatrice portatile a punti modello 700 è una saldatrice a punti per l'installazione di estensimetri saldabili, sensori di temperatura saldabili, termocoppie e lamine sottili.La saldatrice viene alimentata da una batteria al nickel-cadmio ricaricabile. Il caricabatterie è incluso nella fornitura.Dispone anche di un puntale per la saldatura a stagno con temperatura controllata.

    Non sempre i cavi provenienti dagli strumenti possono essere collegati direttamente alle basette dell’estensimetro (per es. con la Serie EA). In questi casi, è pratica comune quella di installare dei terminali di saldatura vicino all’estensimetro, a cui andranno collegati i cavi provenienti dagli strumenti e dagli estensimetri. Il terminale di saldatura vengono collegati tramite ponticelli, cavi sottili e flessibili curvati appositamente per formare anelli antistrappo. I disegni presenti nel data sheet mostrano le configurazioni tipiche dei terminali (vedere anche la nota tecnica TT-603 “The Proper Use of Bondable Terminals in Strain Gage Applications”).

    Il rivestimento protettivo per estensimetri M-Coat F è un kit di materiali selezionati, applicabili in diverse combinazioni, in grado di fornire protezione ambientale e meccanica. È particolarmente adatto in esterno e in presenza di condizioni non ideali. Le applicazioni tipiche includono gasdotti, gallerie, ponti, barre di rinforzo in strutture in calcestruzzo, macchinari pesanti, navi, aerei, veicoli a motore e recipienti in pressione.

    Il rivestimento protettivo per estensimetri M-Coat JA è un bi-componente di polimero liquido polisolfuro in due parti. Il composto crea un rivestimento resistente e flessibile, non polimerizza e può essere rimosso con sgrassatore CSM, Rosin Solvent o MEK. Offre un buon grado di protezione contro acqua, olio, grasso, acidi e alcali e la maggior parte dei solventi.

    Durante l’installazione di un estensimetro viene coinvolta una forte componente artigianale. Come ogni lavoro, l’estensimetria ha i suoi strumenti speciali e materiali dedicati, utilizzati dai professionisti per raggiungere il risultato desiderato. Ogni articolo qui elencato è stato accuratamente testato e selezionato nel laboratorio Micro-Measurements, dove vengono valutati qualità e affidabilità, facilità d'uso e compatibilità con tutti gli altri prodotti. Gli utensili consigliati per l’installazione sono: Strumenti

    • Cesoie chirurgiche SSH-1
    • Pinzette STW-1
    • Pinzette resistenti ad acidi e corrosione BTW-1
    • Sonda dentale DPR-1
    • Bisturi SSC-1
    • Lame sostitutive per bisturi SSC-2
    • Righello SSS-2
    • Matita DP-1
    • Pinza da taglio diagonale DWC-1
    • Pinza con becco ad ago NNP-1
    • Pennello con setole di cammello GT-11
    • Spatola per la miscelazione in acciaio inox SPT-1
    • Spatola per la miscelazione in acciaio inox SPT-2
    • Pistola termica MHG-1
    Materiali e nastri adesivi
    • Nastro adesivo per l’installazione PCT-3M (PCT-3MD con dispenser, PCT-3D solo dispenser)
    • Nastro carta adesivo PDT-3
    • Film in Kapton® PLY-001
    Materiali e nastri adesivi per alte temperature
    • Nastro in Mylar® MJG-2
    • Nastro in fibra di vetro TFT-2
    • Nastro tessuto in fibra di vetro TFE-2
    • Nastro in Teflon con mastice in silicone® TFE-2
    Dispositivi di bloccaggio
    • Morsetto a molla (apertura 25 mm) HSC-1
    • Morsetto a molla (apertura 51 mm) HSC-2
    • Morsetto a molla (apertura 76 mm) HSC-3
    • Molla a trazione costante GT-12
    • Film in teflon TFE-1
    • Piastrine GT-14
    • Gomma in silicone (3 pezzi 2.5x25x150 mm) SGP-1
    • Gomma in silicone (2.5x150x150 mm) SGP-2

    Il neutralizzatore è un composto a base ammoniaca che neutralizza la reazione chimica avviata dal Conditioner A e che crea le condizioni ottimali per l’incollaggio dell’estensimetro.Per molti materiali, la pulizia finale della superficie viene conclusa dal M-Prep Conditioner A, seguito immediatamente dal M-Prep Neutralizer 5A.

    L’M-Bond AE-10 è un adesivo epossidico bicomponente utilizzato in stress analysis e nella realizzazione di trasduttori. Utilizzabile con temperature da -195°C a +204°C. La polimerizzazione dell'adesivo parte da 25°C fino a 100°C. La capacità di allungamento a temperatura ambiente è del 10%.

    L’M-Bond AE-15 è un adesivo epossidico bicomponente utilizzato in stress analysis e nella realizzazione di trasduttori. Utilizzabile con temperature da -269°C a 95°C. La polimerizzazione dell'adesivo parte da 50°C fino a 100°C. La capacità di allungamento a temperatura ambiente è del 15%.

    Il condizionatore è un composto delicato di acido fosforico che attacca lievemente la superficie e accelera il processo di pulizia.Per molti materiali, la pulizia finale della superficie viene conclusa dal M-Prep Conditioner A, seguito immediatamente dal M-Prep Neutralizer 5A.

    L’M-Coat A è un rivestimento protettivo trasparente a base di poliuretano (xilene) diluito in solvente. È indicato per l’uso in laboratorio, come rivestimento di base per le applicazioni su campo nonché per uso didattico. Ha una durezza moderata e una buona flessibilità. Può essere rimosso utilizzando M-LINE Rosin Solvent o toluene. Lo spessore del film è di 0,1 - 0,25 mm per ogni mano.

    L’M-Coat B è un rivestimento protettivo ad essiccamento diretto, composto da una gomma nitrilica diluita con solvente (MEK). Il composto crea un rivestimento gommoso e flessibile anche a temperature criogeniche. Viene usato per preparare i cavi con rivestimento in vinile per migliorare l’incollaggio con altri rivestimenti. Ottima resistenza a benzina, cherosene, ed oli commerciali. Proprietà elettriche inferiori agli altri M-Coat, in particolare a temperature elevate.Ideale come sigillante finale posto su strati di protettivi posti in precedenza (M-Coat F/D, 3145).

    L’M-Coat C è un rivestimento protettivo composto da una gomma in silicone diluita con solvente (RTV). Il composto crea un rivestimento gommoso, resistente e non corrosivo, con ottime proprietà meccaniche ed elettriche. Lo spessore del film è di circa 0,4 - 0,5 mm per mano. Consigliato per installazioni in laboratorio e su campo che richiedono un alto grado di protezione.

    L’M-Coat D è un rivestimento protettivo ad essiccamento diretto composto da acrilico diluito con solvente (toluene). Il colore bianco denso facilita l’ispezione visiva della copertura. Può essere rimosso con M-LINE Rosin Solvent o toluene. Il composto crea un rivestimento resistente e sottile con proprietà elastiche. Lo spessore del film è di circa 0,1-0,25 mm per mano.

    L'adesivo istantaneo M-Bond 200 della famiglia dei cianoacrilati è largamente utilizzato per prove di stress analysis per ottenere un'incollaggio a temperatura ambiente. Il range di temperatura durante la prova va da -32°C a +65°C.Questo adesivo è facile da utilizzare e si polimerizza quasi istantaneamente per creare un legame senza crepe, resistente alla fatica e con una capacità di allungamento del 5%.Non adatto per prove a lungo termine e per trasduttori.

    Il Gage Installation Tester 1300 è uno strumento utilizzato per controllare la qualità elettrica di una installazione estensimetrica.Lo strumento verifica la resistenza d’isolamento (20 G-Ohm a 15 VDC) dalla struttura su cui l'estensimetro è incollato, misura della deviazione della resistenza dell’estensimetro installato e verifica del circuito completo inclusi i cavi.Funzionamento a batterie a secco.

    La strumentazione dedicata all'estensimetria è generalmente attrezzata con resistenze di completamento ponte e pseudo estensimetri (dummy), per accettare circuiti d'ingresso a quarto e mezzo ponte. In caso contrario, il modulo completamento ponte è un eccellente scelta per risolvere il problema. La serie di moduli completamento ponte di Micro-Measurements impiega resistenze laminari di alta precisione incollati ad un substrato ceramico per garantire una massima precisione e stabilità.

    Le resistenze fisse hanno 2 usi in estensimetria: la calibrazione della strumentazione simulando una deformazione e il completamento del ponte di Wheatstone.In entrambe le applicazioni la precisione di misura è influenzata dalla precisione e stabilità della resistenza fissa. Micro-Measurements propone solo resistenze di altissima precisione e stabilità.

    Il sistema di foratura modello RS-200 è un'attrezzatura costituita da un dispositivo di allineamento e una turbina ad aria compressa ad altissima velocità. Consente la realizzazione di un foro nel centro di una speciale rosetta estensimetrica per determinare le tensioni residue con il metodo ASTM-E837 del foro cieco.

    Il rivestimento protettivo autolivellante per uso generale 3140 RTV è una gomma siliconica monocomponente al 98%. Il rivestimento per estensimetri è facile da applicare ed è resistente alle immersioni in acqua. Indicato sia per l’uso in laboratorio che su campo.

    Il rivestimento protettivo per uso generale 3145 RTV è una gomma siliconica monocomponente al 98% con aggiunta di collante, più spesso del similare 3140 RTV. Il rivestimento è facile da applicare ed è resistente alle immersioni in acqua. Indicato sia per l’uso in laboratorio che su campo.

    La qualità della saldatura è un elemento critico per ogni cablaggio estensimetrico. A causa delle caratteristiche speciali dei circuiti estensimetrici, molte leghe o materiali di apporto non sono adatti per questo scopo. Micro-Measurements offre un’ampia gamma di leghe e materiali di apporto provati sul campo per garantire prestazioni eccellenti.

    Per incrementare la precisione e l’affidabilità della misurazione è importante utilizzare il cavo o il filo con la lunghezza o della tipologia corretta, tenendo in considerazione le condizioni di installazione e le caratteristiche dell’attività di misura. Micro-Measurements offre un’ampia gamma di cavi e fili codificati per numero di conduttori, dimensione del conduttore, geometria del cavo e tipo di isolamento. Tutti i cavi sono stati provati sul campo per garantire prestazioni eccellenti.

    Il CSM-3 è uno sgrassante in grado di attaccare oli lubrificanti e idraulici adatto soprattutto per superfici metalliche.Viene utilizzato durante la fase di preparazione superficiale per pulire la superficie sulla quale viene incollato l'estensimetro o l'eventuale basetta.

    L’alcool isopropilico viene usato come agente sgrassante su superfici plastiche, in alternativa al clorotene che potrebbe reagire rovinando la superficie trattata.La confezione contiene una bottiglietta da 120 ml di prodotto.

    Durante le fasi di preparazione della superficie è quasi sempre necessario carteggiare il provino per rimuovere eventuali graffi o segni superficiali, preparando la rugosità ideale per l'incollaggio.

    • La grana 220 è indicata per la maggior parte dell’acciaio
    • la grana 320 per acciaio, leghe di alluminio e metalli morbidi
    • la grana 400 per leghe di alluminio e metalli morbidi

    StudentDAQ è un sistema mono-canale di acquisizione dati per estensimetri resistivi, con configurazione a quarto di ponte, mezzo-ponte e ponte intero. È progettato per le applicazioni che richiedono misurazioni easy-to-use ed economiche; per questo motivo è ideale in ambito didattico.Viene gestito tramite un software intuitivo (installabile su computer con sistema operativo MS Windows) e viene fornito con il codice sorgente completo (scritto in NI LabVIEW®) e interfaccia .NET inclusa.

    Il modello D4 di Micro-Measurements è un acquisitore dati a quattro canali, alimentato tramite USB, per estensimetri resistitivi e trasduttori estensimetrici. La connessione a ciascun canale avviene tramite un connettore RJ-45. Ogni canale di ingresso accetta configurazione a un quarto, mezzo e ponte intero. Vengono forniti tutti i componenti necessari per il completamento del ponte, per ponti da 120, 350 e 1.000 ohm. L’acquisitore dati D4 è controllato via PC, con collegamento USB, grazie al software incluso in dotazione. Possono essere controllate fino a 6 unità, per un totale di 24 ingressi.

    Il modello P3 è un indicatore e registratore portatile, alimentato a batteria, in grado di gestire simultaneamente fino a 4 ingressi estensimetrici. Accetta configurazioni a quarto, mezzo e ponte intero, inclusi i trasduttori estensimetrici.Il dispositivo può operare sia in modalità stand-alone, grazie al display LCD e all'uscita analogica, che collegato PC utilizzando l'interfaccia USB e il software incluso.Progettato per coprire un’ampia varietà di applicazioni Test & Measurements, può essere utilizzato come amplificatore di ponte, indicatore di deformazione statica e datalogger digitale.

    Il sistema di acquisizione dati System 7000 incorpora tutte le funzionalità richieste per la misurazione delle deformazioni ad alta precisione. Questo sistema DAQ Si contraddistingue per l’alta densità di canali e per la capacità di eseguire prove statiche e dinamiche.Sono disponibili scanner da 4 o 16 alloggiamenti per schede da 8 ingressi, per un massimo di 128 canali. I canali estensimetrici accettano configurazioni a quarto, mezzo e ponte intero, con completamento ponte per 120, 350 e 1000 Ohm. Più sistemi possono essere interconnessi e sincronizzati tra loro tramite l'interfaccia Ethernet raggiungendo un numero praticamente illimitato di canali.Possibilità di auto-calibrazione, tracciabile NIST, grazie alla scheda campione rimovibile (7000-SM-VC). La calibrazione può essere eseguita ovunque, senza la necessità di spedire l'intero sistema al produttore per la ricalibrazione: i tempi morti sono sostanzialmente eliminati.

    Il sistema di acquisizione dati System 8000 è destinato a prove statiche e dinamiche.La configurazione base comprende un'unità scanner con 8 canali di acquisizione, espandibile fino a 16 scanner per un massimo di 128 canali. Ogni ingresso è universale in quanto può essere configurato, via software, per accettare varie tipologie di sensori. I canali estensimetrici accettano configurazioni a quarto, mezzo e ponte intero con completamento ponte per 120, 350 e 1000 Ohm.I dati vengono elaborati tramite un avanzato processore di segnale digitale e il filtraggio viene eseguito con filtri digitali FIR (Finite Impulse Response) per garantire un'eccellente reiezione del rumore e una stabilità e precisione di misura insuperabili.Possibilità di auto-calibrazione, tracciabile NIST, grazie alla scheda campione rimovibile (A123 Voltage Calibration Card). La calibrazione può essere eseguita ovunque, senza la necessità di spedire l'intero sistema al produttore per la ri-calibrazione: i tempi morti sono sostanzialmente eliminati.

    Il sistema di acquisizione dati per estensimetri System 9000 di Micro-Measurements è versatile e destinato a prove dinamiche. Il sistema base comprende uno scanner a 12 canali estensimetrici espandibile, con ulteriori 4 alloggiamenti, per un totale di 16 canali per scanner, fino ad un massimo di 48 canali. I canali estensimetrici accettano configurazioni a quarto, mezzo e ponte intero, con completamento ponte per 120, 350 e 1000 ohm. I dati vengono elaborati tramite un avanzato processore digitale a 24-bit e il filtraggio viene eseguito con filtri digitali FIR (Finite Impulse Response). Lo scanner 9000 comunica con un computer (PC) host tramite una connessione Ethernet DHCP con configurazione automatica dell'IP.Possibilità di auto-calibrazione, tracciabile NIST, grazie alla scheda campione rimovibile (A123 Voltage Calibration Card). La calibrazione può essere eseguita ovunque, senza la necessità di spedire l'intero sistema al produttore per la ricalibrazione: i tempi morti sono sostanzialmente eliminati.

    StrainSmart® è un software pronto all’uso basato su piattaforma Windows® per acquisire, ridurre, presentare e archiviare i dati di misura provenienti dagli estensimetri, temocoppie, sensori di temperatura, LVDT, potenziometri, sensori piezoelettrici ed altri trasduttori.Il software,unico per tutte le piattaforme hardware della famiglia StrainSmart® (System 7000, System 7100, System 8000 e System 9000), mette a disposizione numerose funzioni dedicate all'analisi sperimentale delle sollecitazioni.Caratteristiche principali

    • Compensazione per temperatura e lunghezza dei cavi
    • Correzioni per sensibilità trasversale e non linearità del ponte
    • Bilanciamento e calibrazione shunt automatica dei canali
    • Elaborazione rosette rettangolari, a T e Delta
    • Conversione delle deformazioni principali in sollecitazioni
    • Calcolo della sollecitazione equivalente per diversi criteri di rottura
    • Banca dati per estensimetri e sensori
    • Funzione dedicata per test su schede PCB, per monitorare i processi critici durante la produzione, l’assemblaggio e la manipolazione o per eseguire il collaudo delle schede elettroniche

    StrainSmart®, esempio di setup e misura su PCBA:

    PhotoStress® è un metodo ottico per l'analisi delle deformazioni e tensioni superficiali delle strutture durante prove statiche o dinamiche basato sul principio fotoelastico. Il metodo consiste nel ricoprire la superficie con dei rivestimenti plastici sensibili alle deformazioni. Quando la struttura viene sottoposta ad un carico di prova, la deformazione della struttura si trasmette al rivestimento. Osservando il rivestimento, illuminato con una luce polarizzata, attraverso un polaroid, si notano delle frange colorate. In base ad un codice di colori è possibile sapere quali sono le zone maggiormente deformate. Con uno strumento dedicato come il polariscopio LF/Z-2 è possibile misurare con precisione le deformazioni.

    Il sistema di acquisizione dati System 7100 è uno strumento ad elevato numero di canali dedicato principalmente alla misura delle deformazioni.Estensimetri, trasduttori estensimetrici, termocoppie, LVDT e sensori con uscite in tensione ad alto livello possono essere collegati a scanner da 4 o 16 alloggiamenti con schede da 8 ingressi ciascuna, per un massimo di 128 canali per ogni scanner.I canali estensimetrici accettano configurazioni a quarto, mezzo e ponte intero, con completamento ponte per estensimetri da 120, 350 e 1000 Ohm. Più sistemi possono essere interconnessi e sincronizzati tra loro tramite l'interfaccia Ethernet raggiungendo un numero praticamente illimitato di canali.Possibilità di auto-calibrazione, tracciabile NIST, grazie alla scheda campione rimovibile (7100-SM-VC). La calibrazione può essere eseguita ovunque, senza la necessità di spedire l'intero sistema al produttore per la ricalibrazione: i tempi morti sono sostanzialmente eliminati.

    L’M-Bond 43-B è un adesivo epossidico mono-componente, diluito con solvente, utilizzato per la realizzazione di trasduttori.Può essere usato sia come adesivo sia come rivestimento protettivo. Forma strati di colla molto sottili, duri e privi di vuoti. L’M-Bond 43-B è resistente all'umidità e agli attacchi chimici.

    Il Modello 1550B è un calibratore a ponte di Wheatstone con tracciabilità NIST con una precisione dello 0,025%. Configurazioni quarto, mezzo e ponte intero, con completamento ponte per 120 e 350 ohm. Alla pressione dei pulsanti può simulare fino a +/- 99.000 microdeformazioni con incrementi di 100/1.000/10.000.Non necessita di alimentazione.

    Micro-Measurements propone un’ampia varietà di resistenze di compensazione, fisse e regolabili, per le applicazioni che necessitano di un alto livello di compensazione. Le diverse geometrie sono disponibili in varie configurazioni, sia per alti che per bassi coefficienti di resistenza in temperatura.Vengono generalmente utilizzati nei circuiti del ponte del trasduttore per compensare i piccoli errori indotti dalla temperatura e per bilanciare l’uscita del ponte.L’ampia scelta di geometria, dimensioni e materiali permette di selezionare la resistenza ottimale a seconda dell’applicazione. Catalogo Micro-Measurements online: Resistenze di compensazione

    Cera micro-cristallina. Utilizzata per eseguire prove in immersione di lungo periodo in acqua.Offre una scarsa protezione meccanica.

    Ottieni informazioni

    Per maggiori informazioni sui nostri prodotti e servizi, compila il form di contatto.
    Ti risponderemo al più presto.